Anche noi aspettiamo il Natale

Laboratori, storie e tanti libri

La notte della cometa sbagliata. Una storia al giorno aspettando Natale, di Beatrice Masini, illustrazioni di Emanuela Bussolati, Einaudi Ragazzi, 2004.

I Re Magi si sono persi, hanno smarrito la stella e hanno sbagliato strada, ma non lo sanno e procedono con fiducia verso la meta. Il loro viaggio diventa ancora più lungo e ricco di incontri. Ogni giorno sono in un luogo diverso, sono sulle dune del deserto, sulle colline, o vicino al mare. Ogni giorno i tre Re fanno degli incontri speciali. Tutti sanno che sta per nascere il piccolo Salvatore e allora questi incontri diventano una pagina nuova in questa originale storia dell’Avvento.

Questo viaggio che ci avvicina al Natale prosegue così, nella buona fede e nell’inconsapevolezza e con il cuore colmo di bene per quello che sta per succedere. E quando i tre Re alla fine capiscono di aver sbagliato strada è forse troppo tardi per tornare indietro e arrivare in tempo… o forse no…

Questa è una storia di viaggi e di sorprese, di attesa e di piccole magie.  Una storia sugli imprevisti che alle volte ci fanno “sbagliare strada” o ce la fanno ritrovare. Su tutte quelle volte in cui ci capita di seguire una stella sbagliata e sulle scelte che sono sempre possibili anche quando crediamo sia troppo tardi, che è poi quello che ci riserva la vita ogni giorno, non solo a Natale.

La notte della cometa sbagliata è un libro per aspettare insieme la festa più amata dell’anno. Un racconto per ogni giorno di dicembre, per marciare insieme ai Tre Re verso Betlemme.

Anche noi aspettiamo il Natale e lo facciamo con i bambini e le bambine, raccontando storie, accogliendo Babbo Natale e costruendo qualcosa di bello insieme a loro. Questo è il calendario delle proposte della nostra Biblioteca dei Ragazzi e una bibliografia dedicata al Natale e al freddo inverno, per piccoli e piccolissimi lettori.

Condividi l'articolo:
Pugliese. Quel che più ama: i figli, il blu mare, i colori primari e - a partire da quelli - tutti gli altri, la pagina scritta, la parola che cura, i bambini, danzare, la sua Stromboli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *