Ogni guerra è una guerra contro i bambini

La guerra, la pace, di Valerio Magrelli, disegni di Alessandro Sanna, Rizzoli, 2022.

“Ogni guerra è una guerra contro i bambini”.

Eglantyne Jebb, fondatrice di Save the Children.

La guerra, la pace è una delicata raccolta di poesie del poeta tra i più significativi del nostro tempo. Le poesie sono illustrate da Alessandro Sanna che, tante volte e per temi diversi, si dedica ai più piccoli, dando forma alle parole con il suo inconfondibile tratto.

Poesie dove la guerra e la pace sono piccole finestre attraverso le quali osservare il mondo fuori. Un mondo che spegne i colori, raffredda, spaventa, nel primo caso. Che rassicura, unisce, rallegra e fa stare bene, nel secondo.

Non servono parole complicate per spiegare ai bambini una cosa così difficile e cattiva, come è la guerra. Servono invece parole precise e immagini nitide. Serve cogliere la differenza, lo scarto che si crea nello stesso luogo, nello stesso momento, nello stesso angolo di cuore, in tempo di guerra o, diversamente, in tempo di pace.

La guerra, chi non l’ha conosciuta, neanche se l’immagina.

E la pace?

I bambini nati in guerra, che imparano a camminare, a parlare, a dormire e a giocare, che sorridono e ridono e corrono come tutti i bambini del mondo, e muoiono talvolta prima d’aver imparato a dire mamma, non se la meritano, loro, la pace?  Dove le trovano, questi bambini, le parole e le immagini per inventarsene una, di pace?

Ingresso ad Auschwitz – Cartone riciclato di Valerio Jarussi

In occasione della Giornata della Memoria, ci interessa spostare l’attenzione sui conflitti mondiali del nostro tempo e sulle stragi di bambini e ragazzi che ogni guerra produce, oggi come allora.

Sono più di 120 mila i bambini uccisi o mutilati nei conflitti mondiali, dal 2005. Solo nella Striscia di Gaza, dall’inizio della guerra con Israele, sono state uccise circa 20.000 persone; di queste almeno 8.000 sono bambini.

Qui i nostri consigli di lettura per bambini e ragazzi, per le famiglie o per attività scolastiche sui temi della Shoah e della Pace.

Condividi l'articolo:
Pugliese. Quel che più ama: i figli, il blu mare, i colori primari e - a partire da quelli - tutti gli altri, la pagina scritta, la parola che cura, i bambini, danzare, la sua Stromboli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *