TuttInLibro. Crescere con la lettura accessibile

Leggere con tutti i sensi

TuttInLibro. Crescere con la lettura accessibile” è un progetto di promozione della lettura rivolto a insegnanti, educatori, formatori, e alle famiglie di bambine e bambini da 0 a 6 anni che abbiano particolari bisogni legati all’apprendimento, alla conoscenza e/o alla padronanza della/delle lingue.

TuttInLibro, direttamente e indirettamente, sollecita e supporta l’inclusione sociale attraverso un approccio alla lettura ampio che tiene conto delle esigenze diverse e delle tante eccezioni, perché il diritto alla lettura è di tutti.

Quando parliamo di libri accessibili ci riferiamo a libri che grazie all’impiego di particolari accorgimenti diventano fruibili (accessibili, appunto) anche – ma non solo – da bambini e ragazzi con disabilità, o con abilità cognitive  che determinano, per esempio, tempi e modalità di apprendimento individuali.

Dal 2011 qualcuno si è adoperato affinché tutte le persone con disabilità visiva o difficoltà di apprendimento, potessero avere accesso alla lettura, potessero cioè scegliere liberamente come, quando e soprattutto cosa leggere. Questa volontà e quel che ne è conseguito ha sollecitato in senso ampio la promozione della lettura, l’integrazione e la partecipazione attiva al mondo della cultura, della scuola e del lavoro. 

Ad oggi il catalogo della Fondazione LIA – Libri Italiani Accessibili, raccoglie oltre 24 mila titoli certificati da LIA come accessibili: per la prima volta a livello internazionale, una Fondazione riunisce tutte le principali organizzazioni impegnate a garantire l’accesso alle pubblicazioni da parte delle persone con disabilità.

TuttInlibro e la Biblioteca dei Ragazzi

Tra i sette presidi in tutta Italia nei quali trovare la valigia itinerante con i libri accessibili, (inbook, silent book, kamishibai, e tanti altri), c’è anche “la Magna Capitana – Ragazzi“, la nostra biblioteca dei ragazzi di Foggia.

Nella nostra Biblioteca dei Ragazzi sono state e continuano ad essere numerose le occasioni che ci vedono coinvolti nella promozione di libri accessibili. Per esempio, in occasione della Giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo e degli eventi e incontri ad essa connessi, il nostro apporto nel selezionare e consigliare letture adeguate, è significativo.

Le parole di Bianca sono farfalle, di Chiara Lorenzoni, illustrazioni di Sophie Fatus, versioni in simboli a cura di Enza Crivelli, Uovonero, 2016

Fra i tanti titoli pensati per una lettura accessibile, in questo caso integralmente scritto in simboli della Comunicazione Aumentativa e Alternativa (CAA), scegliamo questo.

Le parole di Bianca sono farfalle racconta di una bambina che non parla, non comunica come la maggior parte dei suoi coetanei, ma coglie del mondo quanto e più degli altri, sente e vede con il cuore, vede anche le cose che altri non vedono e ha mani che ondeggiano leggere nell’aria come ali di una farfalle. Bianca capisce da uno sguardo se si sta dicendo la verità o una bugia; Bianca sa cogliere un sorriso o una tristezza dagli occhi, anche se la bocca resta ferma.

Le parole di Chiara Lorenzoni e le illustrazioni di Sophie Fatus, poetiche e delicate quanto la storia, ci parlano di quant’è ricca la sensibilità e quanto è grande e il mondo di chi non usa la parola per esprimersi, ma tante altre vie.

Ogni parola, ogni frase del testo così nitido e puntuale, è tradotto nei simboli WLS della CAA, che facilitano e migliorano la comunicazione nei casi in cui si abbiano difficoltà ad utilizzare i più comuni canali comunicativi, soprattutto il linguaggio orale e la scrittura.

Le parole di Bianca sono farfalle è il secondo titolo della collana “I libri di Camilla“, libri che grazie alla Comunicazione Aumentativa e Alternativa diventano accessibili a tutti.

Il libro fa parte della valigia di libri accessibili della nostra Biblioteca dei Ragazzi ed è ammesso al prestito.



Condividi l'articolo:
Pugliese. Quel che più ama: i figli, il blu mare, i colori primari e - a partire da quelli - tutti gli altri, la pagina scritta, la parola che cura, i bambini, danzare, la sua Stromboli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *